Packaging

Sponsorizzato da

Packaging - Dalla progettazione del design alla realizzazione 3D

Per progettare scatole è bene saperle prima rompere. Questo l’adagio che dovrebbe accompagnare ogni designer che si cimenta nella progettazione del packaging. Ma perché limitarsi al packaging? Semplicemente perché esso propone uno scenario di applicazione che è tutt’altro che limitativo. Tutto ha bisogno di un packaging che possa proteggerlo, presentarlo, tenerlo in piedi, renderlo prezioso, personalizzarlo e così via. È per questo che il saper progettare un buon packaging attesta la competenza di ogni designer esperto.

Ma il packaging non è ciò che si vede quando esso è composto nella sua forma finale ma, come la maggior parte dei prodotti in commercio, esso nasconde caratteristiche fondamentali che gli consentono di conservare la forma finale. È per questo che vale la pena considerarlo il testimonial di un workflow che riguarda l’intero processo di progettazione.

L’immagine 3D diventa sempre più fotorealistica tanto che, spesso, viene confusa con un’immagine fotografica reale. Non siamo più nell’era del rendering “sintetico” ma in quella della rappresentazione realistica pura. Ma non basta essere dei provetti digital designer per poter arrivare ad un risultato professionale, bisogna conoscere ciò che si va a rappresentare fino a dover indagare tutto quello che non si vedrà a lavoro finito ma che è parte essenziale del prodotto rappresentato. Sembra ovvio, ma troppo spesso le immagini 3D fotorealistiche si tradiscono da sé non tanto per poca attinenza alla realtà, quanto per grossolani errori nel riportare o meno dettagli significativi.

Non solo, la rappresentazione 3D fotorealistica, proprio perché punta ad essere rappresentazione fotografica, ha necessità di subire un preciso processo di postproduzione che è il risultato di conoscenze tecniche del prodotto, di competenze sulle modalità di rappresentazione 3D e di approfondite nozioni sull’editing fotografico.

Il workshop, dopo una introduzione finalizzata a confermare il ruolo del packaging, si articolerà nella analisi di particolari progetti – più o meno elaborati – ipotizzando (e svelando) la fase nativa dei prodotti finiti fino ad arrivare allo studio del “reverse packaging”: partendo da un’immagine 3D provare a ricostruire la fase fase nativa/esecutiva.

A chi è rivolto

Specialisti modellazione 3D, graphic designer, creativi, art director

Cosa potrai apprendere

Il workflow della progettazione del packaging, dell’applicazione della visual design, del modello reale fino al mockup  in virtual photo.

 

Questo workshop è a pagamento
Registrati e scegli: 03 Gangli - Packaging
  • Confartigianato Imprese - Udine
  • Segnoprogetto srl
  • Banca di Udine
  • Unidea
  • Messaggero Veneto
  • Treddi.com
  • Associazione per il Disegno Industriale - FVG
  • Cluster Arredo
  • Consorzio Friuli Formazione
  • CoderDojoFVG
  • Comune di Udine
  • Distretto Tecnologie Digitali
  • FriuliInnovazione
  • Lino's & Co.
  • Ordine Architetti Pianificatori Paesaggisti della Provincia di Udine
  • Ordine degli Ingegneri della Provincia di Udine
  • Regione Autonoma Friuli Venezia Giulia
  • Provincia di Udine
  • Università di Roma La Sapienza - Facoltà di Architettura
  • Università degli Studi di Udine
  • Fermat Design
  • Confidimprese FVG
  • Graphisoft
  • ChiandettiEditore
  • FFEngineering
  • Intech
  • Team Data System
  • WACOM
  • Bearzi
  • Udine Science Center
  • ISIS Malignani
  • Civiltà di Cantiere
  • AllPlan
  • .lab